vinitaly

Vinitaly 2021 e il futuro di fiere ed esposizioni

Vinitaly 2021 e il futuro delle esposizioni

Vinitaly, la Fiera internazionale del vino che si svolge annualmente in primavera a Verona, è stata rinviata definitivamente ad aprile 2022.

Questo a causa (si legge nel comunicato stampa) della ‘perdurante situazione di incertezza dovuta alla pandemia’: quante aziende avrebbero investito e partecipato serenamente? Quanti buyer sarebbero giunti dall’Italia e dall’estero?

Una scelta ponderata (anche se mi rattrista) nonostante l’Ente organizzatore – VeronaFiere – abbia tenuto accesa la possibilità fino alla fine, fino ad oggi, per favorire l’economia, come segnale di ripartenza ma si vede che non è ancora il tempo.

Vinitaly

Ora una riflessione

C’è un anno davanti e spazio in agenda da occupare per progettare il futuro di questa e altre manifestazioni.

Abbiamo vissuto tutti l’accelerazione digitale, ci siamo adeguati in fretta a nuove abitudini e strumenti che si sono rivelati vantaggiosi mostrandoci diverse opportunità

Perché non pensare ad una fiera rinnovata che segni il passo nell’innovazione?

Questo non tout-court per mettersi sul podio (anche se Vinitaly se lo può permettere per prestigio e qualità) ma per dare servizio aggiornato nei tempi e modi ad espositori, visitatori professionali e pubblico

Ci sono applicazioni che fanno vivere gli eventi in modo diverso e complementare, favorendo informazioni e connessioni per il business, snellendo i tempi ma non solo.

Sto parlando delle piattaforme all-in-one che aiutano gli eventi – anche quelli grandi come fiere forum – potenziandoli nelle varie fasi cioè nel pre, durante e post evento.

Vinitaly

Sto parlando di una seconda possibilità parallela da dare agli eventi che così mantengono la relazione con il pubblico (anche quello che per svariate ragioni non può venire in fiera) mantenendolo “connesso”.

C’è una anno da attendere per la prossima edizione. Questa è quindi l’occasione giusta per migliorare: essere più efficaci, dare soluzioni creative, raggiungere ancora più pubblico e farlo in modo sostenibile, permettere di creare esperienze e relazioni in digitale da proseguire poi anche dal vivo.

E perché no aggiungere multimedialità, intrattenimento ed ispirazione. E vogliamo parlare del vantaggio dell’analisi dei dati raccolti sull’engagement per migliorare per le volte successive?

Gli eventi digitali infatti presentano numerosi vantaggi, se ti interessa ne parlo sul Canale YouTube Playlist Eventi Online

In sostanza, chi vuole venire in fiera per incontrare fornitori, agenti e partner avrà lo spazio per il networking dal vivo, per esperienze diverse e aggiuntive rispetto a chi partecipa solo online.

In presenza servendosi delle applicazioni dedicate potrà perdere molto meno tempo, uno dei punti deboli delle grandi manifestazioni.

vinitaly

Chi sceglierà invece la modalità esclusivamente online potrebbe partecipare a conferenze, meeting b2b (dove il match-making è aiutato dall’intelligenza artificiale), fruire di contenuti di aggiornamento di settore, organizzare meeting dedicati con i propri contatti già esistenti, sondare nuove opportunità di business….anche stando comodamente in ufficio dall’altra parte del mondo.

Il vino italiano arriva e deve arrivare in ogni angolo del mondo, ne ha la credibilità e la qualità per farlo.

Io il futuro lo vedo così, vedo una commistione di partecipazione in presenza e in digitale, piattaforme che agevolano il business in remoto e in presenza, momenti dedicati all’evasione e al Lifestyle. Questo non solo per Vinitaly

Vinitaly 2021 è l’occasione per riflettere sul futuro delle fiere ed esposizioni

Credo sia il momento di dare una svolta, per ripartire (perché si ripartirà) migliori e più attrattivi di prima.

Il “si è sempre fatto così” ormai non andava già più bene da anni nell’ambito delle esposizioni “tradizionali” dal vivo, dicono gli analisti: molti visitatori si lamentavano che in fiera si perdeva tantissimo tempo, che si poteva fare meglio in diversi ambiti, che non avrebbe più partecipato come espositore.

L’umore rifletteva il bisogno di rinnovamento a favore dei veri soggetti interessati al business cioè espositori e buyer.

Ecco. Basta lavoraci con coraggio e visione. Sfruttando le nuove tecnologie che già esistono. Ma, ripeto, il tempo c’è.

E Vinitaly potrebbe essere davvero un “apripista”, un esempio per altre manifestazioni internazionali anche su territorio italiano

___

Mi chiamo Adriana Andreis, sono una professionista in ambito marketing e comunicazione con un bagaglio di esperienze, competenze e soddisfazioni in ambito eventi maturato dal 2007 che ho deciso di condividere qui in modo formativo su Evento Efficace

Ho creato il corso di formazione avanzato online Evento Efficace Academy, che conduce passo passo nell’organizzazione di un evento professionale

Mi puoi trovare sui canali social e su YouTube, vedi le icone in basso per collegarti e iscriverti

Mi puoi scrivere a info@eventoefficace.it

A presto!
Adriana

ps. Ti aspetto sul mio Canale YouTube per consigli e informazioni sul settore. Ti aspetto!

Newsletter

Ti è piaciuto questo contenuto? Iscriviti alla newsletter per ricevere altri articoli simili.

Altri articoli da leggere: